Contenuto principale

Messaggio di avviso

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca Qui per ulteriori informazioni.

 

Cos’è l’Alternanza Scuola Lavoro

  • una metodologia didattica per gli studenti delle classi III, IV e V
  • permette di svolgere una parte del percorso formativo presso un'impresa o un ente
  • combina lo studio teorico d’aula con l’apprendimento pratico svolto in un contesto professionale
  • esperienza assistita sul posto di lavoro per un periodo di apprendimento in situazione lavorativa
  • non è un rapporto individuale di lavoro

Obiettivi

  • motivare e orientare i giovani, diffondendo la cultura del lavoro
  • attuare modalità di apprendimento flessibili che colleghino sistematicamente la formazione in aula con l'esperienza pratica;
  • arricchire la formazione assimilata dagli studenti nei percorsi scolastici e formativi, con l'acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro;
  • favorire l'orientamento dei giovani, per valorizzarne le vocazioni personali, gli interessi e gli stili di apprendimento individuali;
  • realizzare un collegamento organico delle istituzioni scolastiche e formative con il mondo del lavoro, consentendo la partecipazione attiva di questi soggetti nei processi formativi;
  • correlare l'offerta formativa al contesto sociale ed economico del territorio.

Percorsi proposti agli studenti

  • I percorsi proposti sono attinenti al curriculum di studi dei tre indirizzi
  • vengono attivati dalla Scuola con forme di collaborazione con Aziende, Università, Enti pubblici, Musei, Ordini e Studi professionali, Associazioni di volontariato, ecc.
  • comprendono sia momenti formativi teorici, comprensivi anche di visite aziendali, sia stage lavorativi veri e propri
  • Impegnano gli studenti per complessive 200 ore per i Licei e 400 ore per l’Istituto Tecnico da effettuarsi tra il secondo biennio e l'ultimo anno del corso di studio di cui:
    • Per i Licei: circa 80 ore il terzo anno, 80 il quarto, 40 l’ultimo anno
    • Per il Tecnico: circa 140 ore il terzo e quarto anno, 120 per l’ultimo anno

Articolazione attività

  • I percorsi vengono preferibilmente collocati in momenti opportuni dell’anno scolastico, anche utilizzando i periodi di sospensione dell’attività didattica.
  • I percorsi vengono assegnati ai singoli alunni/e considerando le offerte pervenute, le valutazioni dei consigli di classe e le attitudini degli alunni/e stessi. La scuola interagisce con i partners mediante la figura dei tutor (esterno aziendale e interno scolastico).

Organizzazione attivitàLa valutazione finale e la certificazione delle competenze

L’organizzazione che l’Istituto si è data per gestire l’attività di ASL prevede i seguenti elementi:

  • Il Comitato Tecnico Scientifico sovrintende alla realizzazione del progetto, riunendosi più volte per monitorare lo stato di avanzamento dello stesso; valuta gli esiti ottenuti in termini di metodologie, tempi, strumenti, risultati di apprendimento, in relazione ai profili professionali e ai singoli PTOF, convalida la certificazione delle competenze.
  • I Consigli di classe per la definizione del percorso formativo, l’individuazione degli obiettivi disciplinari e trasversali propri dell’indirizzo; il monitoraggio la verifica e la valutazione finale dell’ASL
  • I tutor che assicurano la qualità formativa dell’esperienza e concorrono alla valutazione dell’allievo e alla proposta di interventi che migliorino l’apporto formativo dell’esperienza lavorativa

La valutazione finale e la certificazione delle competenze

  • I percorsi di alternanza scuola-lavoro sono oggetto di verifica e valutazione da parte dell’istituzione scolastica.
  • La valutazione si esprime nel riconoscimento agli studenti del credito formativo acquisito.
  • L’Istituto Scolastico recepisce le indicazioni del tutor aziendale, verifica il corretto svolgimento del percorso formativo di ASL e valuta il raggiungimento degli obiettivi formativi.
  • lo studente alla fine del percorso è chiamato a relazionare e valutare l’esperienza di ASL

La funzione strumentale per l'alternanza scuola lavoro è la prof.ssa Maria Rosaria Savini